Oltre all'Argento Colloidale........

NON dico NON si possono produrre altri Colloidi Metallici!!!!!

Le istruzioni aggiornate sono solo in questo sito, non nel vecchio sito "www.argento-colloidale.info " e non nel CD-ROM allegato

Molti clienti ed interessati ai miei Generatori, portati in errore da altri produttori di Generatori senza scrupoli e solo interessati a fare cassa.... si rivolgono a me ponendomi questa domanda:

 

E' possibile cambiando gli elettrodi produrre anche Oro Colloidale, Rame Colloidale, Zinco Colloidale, Platino Colloidale.......ecc.?

R.    NOOOOOOO!!!

 

Al fine di ottenere il prodotto perfetto, con la massima efficacia, le istruzioni qui esposte devono necessariamente essere scru-po-lo-sa-men-te eseguite alla lettera, senza improvvisare e senza inventarsi nulla!!!

 

L'operatore neofita  deve essere cosciente che qualunque cosa io dica di fare è frutto di continue ricerche e miglioramenti, al fine di fornirvi il miglior prodotto ottenibile con questo tipo di Tecnologia Elettrolitica, compatibilmente con i costi obbligati ad un modello di apparecchiatura destinata al pubblico privato.

 

Di conseguenza, qualunque cosa il neofita pensi di poter fare in alternativa o in aggiunta alle procedure pubblicate, in realtà non può che peggiorarla, in quanto, quella cosa io l'ho già, prima di lui, pensata........progettata........collaudata e........SCARTATA !!!!! per uno o più dei seguenti motivi:

  • Il prodotto peggiorerebbe di qualità.
  • Peggiorerebbe la stabilità nel tempo.
  • Complicherebbe inutilmente la meccanica e/o l'elettronica.
  • Aumenterebbe i costi di produzione e di conseguenza il prezzo di vendita.
  • Complicherebbe le procedure di produzione.
  • Rischierebbe di produrre guasti all'apparecchiatura.
  • Usando in modo improprio, o/e modificando l'apparecchiatura ne verrebbe meno la sicurezza creando un pericolo per se e per i famigliari.

 

Con questi Generatori, come per qualunque altro generatore che impiega la Tecnologia Elettrolitica dico: " NON E' POSSIBILE PRODURRE ALTRI COLLOIDI METALLICI, quindi non Oro Colloidale, non Rame Colloidale, non Platino Colloidale ecc. di natura Ionica o/e particellare", per ragione di costi elevatissimi degli elettrodi di metalli nobili come Oro, Platino, Iridio.

 

Se aveste letto di commercianti che vendono Colloidi prodotti con metodo elettrolitico o dicono con il metodo Becker, o non sanno cosa dicono, o se lo sono inventata o gli hanno raccontato una cosa sbagliata, oppure potrebbe essere stato sì prodotto con la corrente elettrica, ma non con un metodo Elettrolitico, potrebbe essere stato prodotto col metodo 'Plasma Freddo', o 'Plasma Caldo', o 'Elettro-Esplosione', ecc, ma che non hanno niente a che vedere con il 'Metodo Elettrolitico'. In ogni caso tutti metodi industriali che richiedono impianti, conoscenze e costi non alla portata del comune uT   ente che chiede un Piccolo Generatore, dal costo limitato, facile da usare e non pericoloso. 

 

Quindi gli interessati sono pregati di evitare di chiedere: POTETE FORNIRMI anche gli elettrodi...???....NO!!!!!!...ripeto, non è possibile con i Generatori Elettrolitici produrre altri Colloidi Metallici!!!....se lo fosse stato, avrei fornito come accessori extra anche i relativi elettrodi, e pubblicato le relative procedure......con titoli grandi così!!!....


Alla domanda: eppure questo e quest'altro costruttore di Generatori Elettrolitici affermano che ciò è possibile e forniscono gli elettrodi.....la risposta è rapida, breve e lapidaria:....li vendono, incassano, arricchiscono alle vs spalle.....ma non funzionano!!!!.....ma se per rendervene conto dovete per forza buttar via dei soldi, fate pure, ma dopo aver verificato di essere stati imbrogliati, andate a postarlo sui forum, a beneficio di altri ingenui tentati di fare e rimanerci male!!!

 

Orsù dunque...perchè con il metodo Elettrolitico, oltre all'Argento non si possono fare Colloidi di Rame, Zinco, e Metalli Nobili?.....

 

E' molto semplice, addirittura banale, basterebbe la loro descrizione: i Metalli Nobili, quali Oro, Platino, Palladio, Iridio, Rodio, ecc. si chiamano così appunto perché si combinano con altre sostanze con molta difficoltà, si ossidano con molta difficoltà, e  perdono ioni con molta difficoltà, anche qualora vengano impiegati come elettrodi durante l'elettrolisi, anche con tensioni e correnti molto elevate, per molti, molti giorni, per ottenere qualche decimo di ppm, in pratica una montagna di tempo per avere niente di significativo. Pensate che stia parlando di teorie?.....è una di quelle cose che io prima di voi l'ho pensata, progettata, realizzata, collaudata, ed infine scartata!!!.....Questo è l'esperimento fatto ben 6 anni fa, all'inizio dei mie esperimenti sui Generatori di AC.

 

Procedimento:

  • Ho impiegato come contenitore un vaso di vetro per il Maxi 2 Litri  misure: 14x14 cm alto 20 cm.
  • Comprato 2 lingottini di oro puro che ho fatto laminare con la calandra, nella fabbrica che mi fornisce gli elettrodi di Argento, sino ad ottenere due lastre sottili con misure di 10 x 15 cm, spessore 0,2 mm.....quindi come faccio io di solito, elettrodi con superfici moooolto grandi, non filini o lastrine con dimensioni ridottissime, quanto inutili....
  • Le ho posizionate al lati opposti del vaso, distanti 13 cm,  pieno di acqua bi-distillata che misurava col conduttivimetro professionale 0.4 ppm.
  • Ho dovuto applicare inizialmente una tensione elevatissima, di ben 1.800 Volt con un alimentatore costruito appositamente, per ottenere una corrente iniziale di soli 5 mA, poi salita nel giro di ben 4 giorni e quattro notti, dissipando una potenza notevole in calore....
  • che ho dovuto dissipare per impedire alla temperatura di superare i 50 °C, posizionando il contenitore un una vasca contenente 80 litri di acqua, con un grosso ventilatore a tutta potenza contro l'acqua, per impedire che la temperatura del liquido superasse i 50 °C. 
  • e tutto questo per 4 giorni e quattro notti...totale 96 ore!!!! ed il tutto per ottenere un Colloide di Oro con densità finale di 1,2 ppm....un momento...che sottratto ai 0,4 ppm del residuo fisso, me ne restavano 0,6 ppm quando raffreddato il liquido!!!
  • Figuratevi cosa potreste ottenere con giocattolini inutili che furbescamente spacciano per generatori che impiegano una bassa tensione non superiore a 24 volt ed elettrodi costituiti da 2 filini del diametro di 1,6 mm!!!...avete proprio bisogno di sprecare soldi per rendervene conto???.....poi quando prendete atto dell'imbroglio!!!...che fare andate in in Germania o in America dal fabbricante per avere i soldi indietro?....o fate una Rogatoria  Internazionale costosissima per riavere indietro qualche decina di € ?????

 

Penso di essere stato abbastanza chiaro perché dico non si possono ottenere Colloidi con Metalli Nobili, se non per puro esperimento accademico, non certo per fini commerciali, ma nemmeno per uso proprio.

E fin qui ho parlato di Oro, ma con gli altri Metalli Nobili quali: Platino, Palladio, Iridio, Rodio, è ancora peggio, questi sono ancora più nobili, e quindi ancora più impossibile ottenere Colloidi se non per puro scopo accademico, che comunque sconsiglio visti gli altissimi costi dei metalli nobili, oltre alla lavorazione per ridurli in lastre sottilissime.

 

Veniamo ad altri metalli, tutt'altro che Nobili, tipo il Rame, Zinco e Magnesio, tanto è vero che si combinano benissimo, anche troppo, per cui si potrebbe pensare che sia molto facile, anche più che con l'Argento!...

Il problema è proprio perché si combinano in modo fin troppo facile: infatti se utilizzate gli elettrodi di Rame in un Generatore Look 1.2 dovrete impiegare inizialmente una tensione molto elevata, alcune centinaia di Volt, anche solo per una distanza dagli elettrodi di 8 cm, per almeno 1-2 ore facendo scorrere una corrente di 100 mA, otterrete un brodo molto denso di color rosso chiaro, proseguendo sempre più scuro. Puntando il puntatore laser verde nel liquido vedreste un brodo denso e scuro, ed il raggio di luce è visibile solo per qualche centimetro o millimetro.

 

Però.....se provate ad inserire il densimetro nel liquido, lo vedrete segnare ZERO!!!!.....non segna assolutamente nulla di più di quanto segnava l'acqua bi-distillata di partenza!!!!!.....dopo ore al massimo uno in più dalla partenza.......perchè???...è intuitivo!.....gli ioni che si staccano dagli elettrodi in presenza dell'ossigeno singoletto si ossidano, formando un banalissimo ossido di rame, che cosa ci potete fare? non servirebbe nemmeno spruzzarlo sulle piante infestate da muffe e funghi, come con la vite o i pomodori, la quantità di ossido di rame sarebbe assolutamente irrilevante. Tanta fatica inutile per l'uso umano ed animale. Per le piante, tanto vale continuare ad usare il solfato di rame, altrettanto efficace, ma si può comprare a Kg al Consorzio Agrario o un negozio di piante per pochi spiccioli.

 

Per lo Zinco ed il magnesio vale la stessa cosa, si ottiene un ossido ovviamente non conduttivo!!!! Lo zinco potrebbe funzionare sulla pelle, ma tanto vale comprare una pasta all'ossido di zinco ad un costo irrisorio. Ovviamente sarebbe necessario procurarsi lastre di metallo purissimo, ma assolutamente introvabili, perché diversamente dai metalli nobili, questi altri metalli hanno solo usi industriali, quindi difficilissimo trovarli al massimo della purezza ed in lastre da 2 metri per 1, dal modico costo di parecchie centinaia di €.

 

In sintesi, i produttori che vendono pseudo Generatori di Argento Colloidale Ionico Elettrolitico, fornendo anche elettrodi di Rame, Zinco, Magnesio e Metalli Nobili, sicuramente incassano, ma sono un vero e proprio imbroglio!!!!.....ovviamente questi venditori non forniscono il Densimetro per controllare la densità raggiunta, e nemmeno ne parlano, altrimenti i clienti si accorgerebbero che il liquido non aumenta di densità.

 

Ma la cosa più importante da considerare è che nel produrre infime quantità di Colloidi di Metalli Nobili, ci si limita a buttare via molti soldi senza ottenere niente, ma tentando di fare Rame Elettrolitico anche solo 1 o 2 ppm misurati col conduttivimetro, si ottiene semplicemente non Rame Colloidale, bensì Ossido di Rame!!!!......molto tossico anche se solo a 2 ppm !!!!!

...........e tentando di fare Zinco Elettrolitico anche solo 1 o 2 ppm misurati col conduttivimetro, si ottiene semplicemente non Zinco Colloidale, bensì Ossido di Zinco !!!!......adatto per metterlo sulla pelle, ma non certo in quantità così irrilevante!!!!, ma molto tossico per ingestione anche se solo a 2 ppm !!!!!

 

Il mondo dei prodotti naturali, pullula di fabbricanti e mercanti che non sono tutti degli angioletti, l'ho imparato a mie spese in questi ultimi anni. Non voglio certo fare di tutta un'erba un fascio, ma diffidare si fa peccato, ma ..... quasi sempre ci si prende!!!

 

Il guaio è che i privati mai e poi mai si sognerebbero di spendere anche solo poche devine di € per far analizzare da un laboratorio chimico e verificare cosa ottengono con uno pseudo-generatore e due filini di Argento, per cui a fidarsi dei parolai che li incantano con bei paroloni in un bellissimo sito professionale, é proprio vero che chi più le spara grosse più vende. Tanto è vero che molto spesso vengono da me questi ingenui che mi portano questi "cessini" costituiti da uno scatolino di plastica, nel quale si agganciano 2 filini di Argento del diametro da 1.6 massimo 2,5 mm, contenenti alcune pile, o alimentati esternamente un un piccolo alimentatore commerciale  con uscita di 24 Volt, da appoggiare sopra un bicchiere, chiedendomi di controllarlo perchè forse era difettoso, poichè con l'ACI prodotto non faceva loro alcun effetto. Ovviamente il produttore si guardava bene di fornire anche un comunissimo Conduttivimetro, altrimenti gli utenti si accorgerebbero subito che un simile aggeggio è atto a produrre tante scorie ma ben poco ACI molto giallo, per cui poco, ed efficacia pressochè nulla. Quelli poi che hanno avuto la dabbenaggine di comprare quel cessino tedesco venduto in grandissima quantità da tanti distributori in Europa ed anche in Italia, di cui taccio il nome e che a dir loro nel giro di 1 ora e mezza dovrebbe consentire di ottenere la bellezza di............

 

ben 200 ppm !!!!!..... e pensare che a questo mondo ci sono persone come me che si ostinano a lavorare tanto, vendere poco per  guadagnare poco, perchè si ostina a voler essere onesto!!!!!

 

A questi livelli lavoravo io ben 8 anni fa, ci ho messo pochi minuti per capire che con 2 filini d'argento o una coppia di monete, una bassa tensione, senza agitatore del liquido e l'invertitore di polarità non si otteneva assolutamente niente di buono, un liquido giallo con tante scorie che che galleggiano nell'acqua, per poi un po' alla volta depositarsi sul fondo del contenitore!!!...ma bisogna essere pazzi a pensare di bersi quella schifezza l i!!!....non ci ho pensato minimamente a produrli in grande scala o a venderne decine di migliaia all'anno per farci un sacco si soldi alla faccia degli ingenui creduloni, ho iniziato una seria ricerca che dura sino ad oggi per ottenere dei generatori sempre migliori affinché potessero produrre un ACI sempre più efficace. Ed ogni volta che credevo di aver ottenuto il massimo, continuando a studiare, capivo che dietro l'angolo c'era una soluzione ancora migliore, ma tutto questo lavoro di ricerca richiedeva molto tempo e molti soldi. Chi avesse letto queste mie ricerche, chi ancora fosse tentato di buttare soldi nelle tasche di questi commercianti imbroglioni, faccia pure...soldi loro, ma poi non dicano che non li avevo avvisati!!!! ......altrimenti come dice quel detto:...."Chi vuol essere gabbato...gabbato sia!!!!" ......o per dirla alla Crozza: ....In Cool.....

 

Aggiornato il 06/12/2015                                                                                                                                                     silver

Chi siamo


Tecnosalute di Guido Ferioli

Via Ortigara, 3

40015 Galliera - BO

P.IVA:  03364441208

REA:  BO - 513359



Attività in atto:

 

Produzione e distribuzione di Colloidi Metallici e Generatori per la produzione di Argento Colloidale Ionico per scopo: Medicale, Industriale ed Agricolo.

Sede direzionale e produttiva: Italia.