Procedura preliminare di pulizia di tutti gli oggetti da immergere.

Le istruzioni aggiornate sono solo in questo sito, non nel vecchio sito "www.argento-colloidale.info" e non nel CD-ROM allegato


   Prima di iniziare la prima produzione è indispensabile pulire tutti gli oggetti che dovranno essere immersi nell'Acqua Bi-distillata.
Anche se gli oggetti sono nuovi e mai usati sono comunque stati toccati con le mani e tracce di unto possono bastare ad inquinare l'acqua bi-distillata. Per quanto riguarda gli elettrodi, tracce di unto possono funzionare come isolanti elettrici e disturbare la produzione impedendo o limitando l'elettrolisi nelle parti di elettrodi con presenza di unto. 

   Evitare nel modo più assoluto di impiegare qualunque sapone detergente, in particolare detersivo per piatti. Questi prodotti possono essere rimossi con difficoltà con il risciacquo. Anche minime tracce rimaste nell'acqua possono bastare ad inquinare l'Acqua Bi-distillata.
 
   Il solo modo sicuro per pulire a fondo senza inquinare è impiegare il panno in micro fibra inumidito con sola Acqua Bi-distillata. Impiegate solo il panno in micro fibra fornito nel kit, molti altri prodotti similari non vanno bene. Vanno bene solo i panni in micro fibra composti dall'80% di Poliestere e dal 20% di Poliammide. C'è anche il tipo elettrostatico per lavorare a secco, cioè per la polvere, questo tipo non va bene per noi. Nella confezione è quasi sempre descritto chiaramente...ma non sempre.

   Acquistate solo panni di piccole dimensioni, da 30x30 o 40x40 cm che rappresentano la misura più pratica. Se troppo grandi non dovreste tagliarli onde evitare la fuoriuscita di fibre che poi vi ritrovereste nel liquido e potrebbero anche essere scambiate per scorie al test col Puntatore Laser. Potete impiegarlo anche per asciugare il riscaldatore ed il densimetro dopo l'uso.
 
   Dovrete pulire le vaschette del liquido e tutti gli oggetti che vengono immersi: la pala dell'agitatore del liquido, l'ampolla di vetro del riscaldatore, l'asta nera del densimetro.
Basterà inumidire il panno in micro fibra e strofinarlo sugli oggetti indicati che verranno puliti dall'unto delle mani. Il panno andrà usato anche per asciugare il riscaldatore quando avrà portato la temperatura del liquido a 30 °C, ed anche l'asta nera del densimetro dopo che l'avrete usato per effettuare la misura della densità di AC raggiunta.
 
  Il panno in micro fibra può essere lavato a mano o in lavatrice e molto ben risciacquato, purché non venga impiegato anche l'ammorbidente, perchè anche minuscole tracce basterebbe ad inquinare l'acqua Bi-distillata.

 

Le pipette contagocce dei flaconcini ed i flaconcini stessi, per prudenza è meglio eliminarli.

I flaconcini, salvo ovviamente durante il trasporto, dovranno obbligatoriamente essere tenuti in verticale, onde evitare che i Colloidi vengano a contatto con la guarnizione in plastica e la gomma della pompetta della testina spray.


 

Procedura per la pulizia degli elettrodi.....quando eseguirla????

....subito!!!!....appena terminata ogni singola produzione!!!

....non dopo una serie di produzioni!!!!

....non fra qualche settimana prima di ricominciare a fare produzione!!!!

ha da essere chiaro!!!!....regola che vale per tutti!!!

ogni singola produzione deve essere iniziata con gli elettrodi puliti!!!!

ha da essere chiaro!!!!

si deve interrompere la produzione quando gli elettrodi sono sporchi!!!

cioè quando il Densimetro segna 11 ppm, non di più!!!

cioè quando il colore degli Elettrodi è dorato pallido!!!

 

Elettrodi d'Argento
Elettrodi d'Argento
Kit lavaggio per elettrodi
Kit lavaggio per elettrodi
Piastrina per asciugare gli elettrodi
Piastrina per asciugare gli elettrodi

  La produzione dell'Argento Colloidale Ionico deve essere eseguita impiegando gli elettrodi forniti a corredo nel kit del Generatore,  assolutamente puliti alla perfezione.
Appena terminata la produzione dovranno essere puliti perché risulta più facile e rapida. Se date tempo agli elettrodi di seccarsi dovrete strofinare di più con la spugna bagnata per rimuovere quella sia pur pallida patina di scorie color giallo oro pallido, se la produzione viene interrotta alla densità di 11 ppm, il prodotto sarà quasi completamente ionico, poche particelle, assenza quasi totale della formazione di scorie, al punto che al test con il raggio laser rosso, il tracciato al buio completo risulta poco poco visibile, e non vengono rilevate scorie, o qualcuna piccolissima, ma non oltre a quelle comunque rilevabili anche nell'Acqua Bidistillata di partenza.
  
  Terminata la produzione dell'Argento Colloidale Ionico, sganciate le 4 alette del coperchio fissate sotto la scatola del Generatore e spostatelo sulla vaschetta vuota di fianco posta sulla parte dx del vassoio.
 
  Rimuovete con delicatezza la vaschetta di sn evitando di versare del liquido e travasatelo lentamente nelle apposite bottiglie. Potete versarlo direttamente o servendovi dell'imbuto fornito a corredo. Allo scopo nel kit vengono fornite 2 bottiglie di plastica bianca, una da 1 litro ed una da mezzo litro. Inoltre una serie di flaconi Oftalmici ed a fiaschetta ovale trasparente. 
 
   Come supporto per gli elettrodi potrete impiegare l'apposita lastra di plastica bianca, dopo averla asciugata bene con la lastra di plastica trasparente. Per fermare bene gli elettrodi agganciateli alla lastra perché riporta uno scavo a misura giusta come il bordo del vaso. Come chiaramente visibile in figura.

 

   Appoggiate il tutto sul piano del lavabo interponendo l'apposita tovaglietta trasparente fornito a corredo. Raccomando di  interrompete la produzione alla densità 11 ppm misurata con l'apposito conduttivimetro fornito a corredo, le scorie saranno quasi inesistenti, ma se lo fate a densità maggiore , gli elettrodi saranno più sporchi, quindi per sicurezza usatela sempre onde evitare di sporcare il piano del lavabo in modo per voi irrimediabile....qualcuno di casa potrebbe essere contrariata.

 

   Bagnate il tutto con acqua di rubinetto, e strofinate sull'elettrodo con la spugnetta abrasiva, in diverse direzioni, quindi sciacquate il tutto con acqua abbondante. Se interrompete la produzione alla densità di 11 ppm, lo sporco delle scorie depositate sugli elettrodi sarà quasi inesistente. Evitate assolutamente di interrompere la produzione ad una densità superiore, perchè non otterrete una efficacia antimicrobica superiore, al contrario lo sarà tanto meno al passare del tempo perchè verrà meno la stabilità nel tempo, quanto più superiore sarà elevata la densità prodotta. La stabilità del prodotto è enormemente aumentata grazie alla introduzione nel kit dell'apposito telaio blocca elettrodi, questa a significare lo straordinario risultato di questa geniale intuizione.

 

   Per asciugare gli elettrodi, risulta molto comodo impiegare la piccola lastra di plastica trasparente formato carta di credito, inclusa nel kit. Basterà usarla come lo spazzolino per il tergicristallo dell'auto. Pratico, veloce e non lascia polvere come con la carta, né fibre come con uno straccio. Polvere e fibre potrebbero essere visibili al raggio Laser ed essere scambiate per scorie. Per finire passate sull'elettrodo il panno micro fibra, asciuga velocemente, alla perfezione e non rilascia fibre.


Procedura per il lavaggio delle bottiglie per contenere l'ACI

 

 


 

   Se impiegate bottiglie nuove, non serve lavarle, non si sporcano mai durante la produzione. Però potrebbero essere state conservate senza tappo e contenere polvere atmosferica, allo scopo potrebbe bastare soffiarci dentro con l'aria del compressore, se lo avete, sempre che siate sicuri che non rilasci olio di lubrificazione o acqua di condensa, ma questo avviene solo in grandi impianti di officina, mai col compressore domestico. 

 

   Se invece volete riciclare bottiglie magari scure, dovete necessariamente lavarle con acqua di rubinetto bollente se sono in vetro, calda 60 °C circa se in plastica. Senza impiegare detergenti di alcun tipo perchè sarebbe difficile rimuoverli completamente nonostante ripetuti risciacqui, specie se detergente liquido per piatti. Se le bottiglie contenevano olio, assolutamente non devono essere usate, rimuovere l'olio completamente risulta praticamente impossibile, se di birra vanno bene. Il vino a volte lascia residui sul fondo e può depositarsi anche sulle pareti. lo stesso dicasi per i succhi di frutta, meglio evitarli. Le bottiglie in PET per acqua minerale purchè trasparenti vanno benissimo, purchè non si richieda di stare troppo tempo a magazzino. 

   Riempite le bottiglie di acqua bollente (se di vetro)  o calda max 60 °C se di plastica per 1/4 del volume, chiudete bene il tappo ed agitate a lungo energicamente, scolate, e sgocciolate energeticamente, quindi metteteci dentro un po' di acqua bi-distillata, risciacquate, svuotate e sgocciolate. Le bottiglie sono pronte per l'uso.

 


Aggiornato il 08/12/2015                                                                                                                                                     silver

Chi siamo


Tecnosalute di Guido Ferioli

Via Ortigara, 3

40015 Galliera - BO

P.IVA:  03364441208

REA:  BO - 513359



Attività in atto:

 

Produzione e distribuzione di Colloidi Metallici e Generatori per la produzione di Argento Colloidale Ionico per scopo: Medicale, Industriale ed Agricolo.

Sede direzionale e produttiva: Italia.