Come travasare l'Argento Colloidale Ionico appena prodotto dal vaso alle bottiglie.

Le istruzioni aggiornate sono solo in questo sito, non nel vecchio sito "www.argento-colloidale.info " e non nel CD-ROM allegato!!!!

è obbligatorio leggere e rileggere anche tutte le istruzioni nel sottomenù "ISTRUZIONI"

 

La produzione dell'Argento Colloidale Ionico avviene tramite un processo di Elettrolisi fra i due elettrodi d'Argento agganciati alle pareti del vaso, immersi in acqua Bi-Distillata.

Gli Ioni d'Argento staccati dagli Elettrodi vengono dispersi nel liquido. La pala motorizzata facilita la dispersione degli Ioni nel liquido, ma in parte vengono successivamente attirati nuovamente dagli elettrodi, formando uno strato di scorie che si va via via sempre più ingrossando, ed assumendo un prima un colore giallo oro pallido, poi Oro più intenso, poi grigio chiaro, continuando con un grigio sempre più scuro sino al nero.

 

Come spiegato nella procedura di Produzione, per ottenere un ACI con buone caratteristiche di efficacia e stabilità, la cosa migliore è interrompere la produzione quando lo strato di scorie che ricopre gli elettrodi assume colore giallo Oro intenso. Vedere di preciso qual è il colore attraverso la parete del vaso durante le produzione, è impossibile, così come risulta improponibile spegnere il Generatore......rimuovere la centralina......guardare il colore degli elettrodi attraverso il liquido.......riposizionare il Generatore sul vaso.......e riprendere la produzione......e...questo per alcune volte, sino a quando vediamo il colore giusto! il giallo Oro Intenso. 


 

Ora dovremo travasare L'Argento Colloidale Ionico prodotto dal Vaso alle bottiglie, ma....a questo punto, si porge un problema.....come non provocare il distacco delle scorie depositate sopra gli elettrodi???

 

Se incliniamo il vaso per versare il liquido in un'altra bottiglia, o tramite un imbuto un po' di scorie finiranno per staccarsi ed andranno ad inquinare il liquido.......se rimuoviamo gli elettrodi o il telaio-blocca-elettrodi, stesso discorso,......aspirare il liquido con una pompetta manuale, sarebbe lungo e noioso, e si smuovendo il liquido sarebbe peggio, usare una piccola pompa elettrica? ....ancora non ci siamo, smuovendo troppo il liquido inevitabilmente si stacceranno un po' scorie.

Alla fine dopo tante prove, questo dispositivo è risultato il più semplice, pratico, economico, per un travaso lento è sicuro:

 

  • Una semplice bottiglia di plastica che dovrà essere posizionato ad un livello inferiore di qualche decina di cm al di sotto del vaso, come nella prima figura,
  • con infilato nel tappo un tubetto di plastica lungo che andrà posizionato dentro il vaso bloccato dentro l'apposito foro, come nelle figure seguenti.
  • e l'altro tubetto più corto dovrà servire per aspirare con la bocca l'aria contenuta nella bottiglia,
  • la depressione creata all'interno provocherà l'aspirazione del liquido nel vaso a dentro la bottiglia,
  • quando il liquido avrà incominciato a scendere si potrà smettere di aspirare, perchè il liquido continuerà a scendere,
  • quando la bottiglia sarà quasi piena, basterà portarla per un attimo ad un livello superiore a quello del vaso.
  • Circa come da sempre si fa per travasare il vino dalla damigiana/tanica alle bottiglie.

Come fermare il tubetto posto dentro il vaso del liquido, sino a toccare il fondo, per mantenere le mani libere per reggere la bottiglia ed tubo di aspirazione, e nel contempo impedire che lo stesso vada a strofinarsi contro gli elettrodi provocando il distacco delle scorie.

Chi avesse già comprato il generatore, può richiedere il kit "Travaso" e provvedere da solo o con l'aiuto di qualcuno, a fare il foro da 6, 5 mm. Nella foto il tubetto appare nero per renderlo meglio visibile, in realtà è quasi trasparente.

LA soluzione del foro nel telaio si è resa necessaria, per impedire al tubetto se lasciato libero di fregare contro gli elettrodi rimuovendo delle scorie che inquinerebbero L'AC appena prodotto, limitandone sia l'efficacia che la stabilità.


Aggiornato il 30/05/2016                                                                                                                                                                                        silver

Chi siamo


Tecnosalute di Guido Ferioli

Via Ortigara, 3

40015 Galliera - BO

P.IVA:  03364441208

REA:  BO - 513359



Attività in atto:

 

Produzione e distribuzione di Colloidi Metallici e Generatori per la produzione di Argento Colloidale Ionico per scopo: Medicale, Industriale ed Agricolo.

Sede direzionale e produttiva: Italia.